Zuppa di fagioli dall’occhio con cavolo nero

Questa è una zuppa semplice e saporita, servita ben calda è perfetta per le fredde sere invernali. Abbiamo trovato la nostra versione preferita dopo diversi tentativi ed è questa qui. I bambini all’inizio fanno un po’ di storie (a causa del “verde”) ma poi il risultato è sempre … piatti puliti!

Ingredienti (per 6 persone):
  • 400 gr di fagioli dall’occhio (noi li compriamo secchi in abbondanza durante le nostre vacanze estive in Calabria, si chiamano suriaca)
  • 4/6 foglie di cavolo nero (io ne compro un cespo e quello che non uso lo congelo per il prossimo uso)
  • 2 spicchi di aglio
  • 6 foglie di salvia
  • 4/5 pomodori pelati
  • brodo vegetale qb (a seconda del gusto, se piace più o meno brodosa – a me più – circa 500 ml)
  • olio eco qb
  • sale e pepe qb

facoltativo: peperoncino (ci sta benissimo, anche aggiunto a posteriori)
variante: si possono aggiungere dei crostini di pane tostato

Tenere a mollo i fagioli tra le 6 e le 12 ore, poi lessarli in abbondante acqua con poco sale grosso (io lo faccio il giorno prima). Spesso ne lesso una quantità maggiore e poi congelo quelli che non mi servono, fino al prossimo uso.

Ci vuole circa un’ora, ma dipende dai fagioli, assaggiateli per assicurarvi che siano cotti.

Far soffriggere l’aglio, aggiungere i pelati e schiacciarli con una forchetta, poi le foglie di salvia. Quando il pomodoro inizia a trasformarsi in salsa, aggiungere i fagioli e mescolare bene, lasciando cuocere per 10 minuti a fuoco basso.

Ecco il nostro cavolo nero (congelato). Io elimino la costa centrale e lascio solo le foglie verdi scuro, questo soprattutto perché la costa centrale resta più “dura” e i bambini fanno storie.

A questo punto aggiungere il brodo vegetale e il cavolo nero, abbassare il fuoco e coprire. Cuocere per circa un’ora, a metà cottura aggiustare di sale e aggiungere poco pepe. Se desiderate una zuppa più fitta e meno brodosa, cuocere gli ultimi 10 minuti senza coperchio e alzare la fiamma. Noi la troviamo più buona quando risulta più brodosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.